Pachynus (Capo Passero)

Capo Passero o Capo Passaro (in greco: Πάχυνος; latino: Pachino o Pachynum) è un promontorio famoso della Sicilia, formando il punto sud-orientale estremo di tutta l'isola, e uno dei tre promontori che avrebbero dovuto aver dato ad esso il nome di "Trinacria" (Ovid, Fast. iv. 479, Met. xiii. 725; Dionys. Per. 467-72; Scyl. p. 4. § 13; Pol. i. 42; Strabo vi. pp. 265, 272, &c.; Plin. iii. 8. s. 14; Ptol. iii. 4. § 8; Mela, ii. 7. § 15.)

Tutti i geografi antichi descrivono come si estende verso sud e ad est, in modo da essere il punto della Sicilia più vicina a Creta e al Peloponneso, e allo stesso tempo, il punto più meridionale deli'isola. Il promontorio non è elevato, ma formato da rocce sporgenti in grassetto (projecta Saxa Puchyni, Virg. Aen. III. 699), e subito fuori di esso si trova una piccola isola rocciosa (Isola di Capo Passero) di notevole altezza, che sembra sia stata generalmente considerata come facente parte del promontorio effettivo. Questo spiega l'espressione di Nonno, che parla dell 'isola roccciosa degli Seagirt Pachino. (Dionys. Xiii. 322.) Licofrone ha anche una frase simile. (Alex. 1181.)

Impariamo da Cicerone che vi era un porto nelle immediate vicinanze del promontorio a cui dà il nome di Portus Pachyni (moderno Portopalo di Capo Passero) (Verr v 34..): È qui che la flotta di Verres stazionava sotto i suoi Cleomene ufficiale, quando la notizia che uno squadrone di pirati era stazionato nel vicino Porto di Ulisse (Portus Odysseae) ha causato che il comandante prendesse a volo precipitosamente. Tolomeo dà il nome di Promontorio di Ulisse (Ὀδυσσεία ἄκρα, Ptol. Iii. 4. § 7) ad un punto della costa sud dell'isola, un po 'ad ovest di Capo Pachino. E 'quindi probabile che il Portus Pachyni era quello che ora si chiama Porto di Palo, immediatamente adiacente il promontorio, mentre il Portus Odysseae può essere identificata con Pantano Longarini. La comodità di questa porta nel punto est estrema dell'isola ha causato che sia un luogo di incontro e di frequente stazione per le flotte si avvicinano Sicilia; e in una sola occasione, durante la seconda guerra punica il comandante cartaginese sembra Bomilcar di aver preso il suo posto nel porto ad ovest del promontorio, mentre la flotta romana si trovava immediatamente a nord di esso. (Livio xxiv. 27, XXV. 27, XXXVI. 2.)

Nel 1718, le acque al largo del promontorio furono teatro di una grande battaglia navale (chiamata la Battaglia di Capo Passero) tra i britannici e pescherecci spagnoli.