Hybla Geleatis (Paternò)

Hybla Gereatis (in greco: Ὕβλα ἡ Γελεᾶτις), era un'antica città della Sicilia, situata sul versante meridionale dell'Etna, non lontano dal fiume Symaethus, nel moderno comune di Paternò. C'erano almeno tre (e forse anche cinque) città chiamate "Hybla" negli antichi resoconti della Sicilia che sono spesso confuse tra loro e che a volte è molto difficile distinguere.

Hybla Gereatis è stata descritta come la più grande e notevole delle città siciliane chiamata Hybla, quindi equiparata a Hybla Major o Magna.

Pausania (nel cui tempo aveva cessato di essere una città indipendente) descrisse la città come situata nel territorio di Catana (moderna Catania). Allo stesso modo, lo troviamo notato da Tucidide come un posto tra Catana e Centuripa (moderno Centuripe), così che gli Ateniesi, al loro ritorno da una spedizione in quest'ultima città, devastarono i campi di grano degli Inessaeani e Hyblaeani. Era chiaramente una città siciliana; e quindi, in un periodo precedente, è menzionato tra le altre città di quella gente all'interno dell'isola che Ducetius cercava di unire in una lega comune, una misura a cui i soli Hyblaeani si rifiutarono di aderire. È abbastanza chiaro che, in tutti i passaggi precedenti, che il Hybla si riferisce al Hybla etnese: e sembra probabile che la città di Hybla, che è stata attaccata dagli ateniesi subito dopo il loro sbarco in Sicilia (Thuc. Vi. 62), ma senza successo, non era altroche Hybla Geleatis (Ὕβλα ἡ Γελεᾶτις) come descritto da Tucidide.

Durante la Seconda Guerra Punica, Livio menziona Hybla come una delle città che furono indotte a ribellarsi ai Cartaginesi nel 211 a.C., ma furono rapidamente recuperate dal pretore romano Marcus Cornelius Dolabella. Ai tempi di Cicerone gli Hyblenses (evidentemente il popolo della città eteana) appaiono come una considerevole comunità municipale, con un territorio fertile di grano: e Hybla è uno dei pochi luoghi all'interno della Sicilia che Pomponius Mela ritiene degno di nota. Hybla Gereatis viene anche menzionata da Plinio, che lo calcola tra i populi stipendiarii dell'isola, come anche Tolomeo. Quindi è strano che Pausania sembri parlarne come completamente desolato a suo tempo. Il passaggio, tuttavia, è del tutto così confuso che è molto difficile dire di quale Hybla stia parlando. Non ne troviamo più tardi notizia, sebbene un'iscrizione dei tempi cristiani trovata a Catana sembra riferirsi a Hybla come ancora esistente sotto il suo antico nome.

Il sito, come suggerito da Cluverius, dovrebbe riferisi a Paternò (a circa 20 km da Catania), e deriva una forte conferma dalla scoperta in quella città di un altare dedicato a Veneri Victrici Hyblensi. C'è molto confusione tra questa città con quella di Aetna.