RIFORME BORBONICHE

Le riforme borboniche furono una legislazione economica e politica introdotta dalla Corona Spagnola tramite le opere di vari re del casato dei Borboni, nel corso del XVIII secolo.

Durante il regno di Carlo III ( 1734-1759) e di suo figlio Ferdinando IV (1759-1806), anche la monarchia borbonica, emulando quelle europee ed italiane, intraprese a conformarsi alle nuove trasformazioni, inserendosi nella evoluta cerchia dei monarcati assoluti illuminati.

Padre e figlio, avvalendosi delle straordinarie capacità del Primo Ministro Bernardo Tanucci e Ministro delle Finanze Giuseppe Zurlo, quest'ultimo operò in seguito anche con i napoleonidi, cominciarono le opere di modernizzazione sociali ed economiche nel regno di Napoli.

 

1734-1759: IL REGNO DI CARLO I DI BORBONE E L’AVVIO DELLE RIFORME

  • 1734: Carlo di Borbone si insedia a Napoli cacciando gli austriaci
  • 1734: Il toscano Bernardo Tanucci (1698-1783) è nominato Segretario di giustizia; primo Segretario di Stato è lo spagnolo duca di Montealegre
  • 1735: Abolizione del Consiglio Collaterale sostituito dal Consiglio di Stato presieduto dal re
  • 1739: Si avviano i lavori per la preparazione del nuovo Codice carolino
  • 1740: Avvio dei lavori per il nuovo Catasto generale del Regno
  • 1746: Montealegre è sostituito dal parmense marchese Giovanni Fogliani
  • 1749: Istituzione della Giunta per le ricompre per il riscatto delle terre sottratte alla Chiesa
  • 1752: Istituzione della Giunta per il catasto
  • 1753-1754: redazione del «catasto onciario»; introduzione nelle province di Commissari sul modello degli Intendenti francesi
  • 1754: Tanucci è nominato Segretario di Stato agli esteri e alla Casa Reale
  • 1754: Istituzione della cattedra universitaria di Economia politica affidata ad Antonio Genovesi
  • 1755: Bernardo Tanuccci è nominato primo Segretario di Stato; dopo aver governato per 21 anni, resterà al potere per altri 21 anni, fino al 1776, per un totale di 42 anni di presenza ai vetrici dello Stato

 

1759-1776: IL GOVERNO DI BERNARDO TANUCCI E IL REGNO DI FERDINANDO IV

  • 1759: Carlo di Borbone lascia Napoli per assumere il trono di Spagna, gli succede sul trono di Napoli il figlio Ferdinando IV, bambino, sotto la tutela di Bernardo Tanucci, che accumula le cariche di primo Segretario di Stato, Segretario agli esteri e Segretario di giustizia
  • 1759-69: Bernardo Tanucci avvia ed intrattiene un fitto carteggio con l’economista Ferdinando Galiani (segretario di Legazione a Parigi), ispiratore delle politiche di riforma
  • 1760: Istituzione della Giunta per il sollievo delle università (=province)
  • 1763-64: Carestia ed epidemia di colera; per risolvere la crisi, Bernardo Tanucci impone un prelievo forzoso in tutte le province, tassando anche i beni ecclesiastici
  • 1765: Riforma dell’amministrazione di Napoli
  • 1767: Cacciata dei Gesuiti dal Regno di Napoli
  • 1767: Fine della Reggenza di Bernardo Tanucci: Ferdinando IV assume il potere
  • 1768-76: Avvio della «grande riforma»: redistribuzione delle terre dei gesuiti a coltivatori indipendenti; istituzione di scuole ed ospedali nei palazzi dei gesuiti; abolizione delle carceri conventuali; abolizione delle manomorte
  • 1770: L’illuminista Ferdinando Galiani ritorna da Parigi ed entra nel Supremo Magistrato di Commercio
  • 1774: Riforma giudiziaria: obbligo della motivazione delle sentenze
  • 1775: Decreto contro la massoneria

 

1776-1786: DALLA CACCIATA DI TANUCCI AI TERREMOTI DI MESSINA E REGGIO CALABRIA

  • 1776: (25 ottobre) Licenziamento di Bernardo Tanucci imposto dalla regina Maria Carolina d’Asburgo; nuovo Segretario di Stato è il marchese Giuseppe Beccadelli della Sambuca
  • 1776-1783: Allontanato dal potere di Bernardo Tanucci, prosegue un fitto carteggio con Carlo III di Borbone, re di Spagna, denunciando gli abusi del figlio e della nuora
  • Secondo alcuni storici la vera «età aurea» del riformismo borbonico inizia solo ora, con la fine della «dittatura» amministrativa di Tanucci e con l’ingresso nel governo di uomini di formazione europea (come il principe Domenico Caracciolo); in questo decennio entrano nell’amministrazione uomini nuovi, giovani, fedeli alla corona e spesso privi del «cursus honorum» tradizionale
  • 1777: Ferdinando Galiani nella Giunta degli allodiali
  • 1779: istituzione della Reale Accademia di scienze e belle lettere
  • 1779: L’ammiraglio scozzese John Acton (comandante della marina del Granduca di Toscana) viene chiamato da Livorno per assumere la carica di Segretario di Stato per la guerra e la marina; inizia una nuova politica navale dinamica ed autonoma, in forte competizione con Inghilterra e Russia
  • 1779-86: Cambia la politica estera napoletana: non più legata alla Spagna, ma neutrale e con simpatie austriache; si firmano nuovi trattati con Russia, Stati Uniti e Porta Ottomana
  • 1780-86: L’ex ambasciatore a Londra e a Parigi Domenico Caracciolo (di orientamento illuminista) è nominato Viceré di Sicilia; tenta di colpire i baroni ed avviare le riforme, ma suscita forti reazioni

 

1782-1793: DOMENICO CARACCIOLO E L’ULTIMA STAGIONE DELLE RIFORME

  • 1782: Soppressione dell’Inquisizione in Sicilia; riduzione degli abusi signorili contro le comunità; riforma tributaria; emancipazione dei contadini servi e concessione in affitto delle terre comuni; avvio del Catasto siciliano (fallito)
  • 1782: Acton è nominato anche Segretario di Azienda e commercio
  • 1783: (5 febbraio) Un disastroso terremoto distrugge Messina e Reggio Calabria; la catastrofe diviene una grande occasione per un radicale intervento dello Stato sulle condizioni delle province
  • 1784: Istituzione della Cassa Sacra per la ricostruzione della Calabria: la Casa incamera e ridistribuisce i beni ecclesiastici favorendo la costituzione di una piccola proprietà contadina indipendente;
  • 1784: Riorganizzazione del Consiglio delle finanze per creare un consenso alla politica riformatrice del governo. Ne fanno parte tutti i migliori intellettuali illuministi.
  • 1786: Domenico Caracciolo è nominato primo Segretario di Stato; ricerca la collaborazione degli intellettuali e riorganizza il Consiglio delle finanze
  • 1786-88: Riforme militari promosse da Acton: sono istituite le milizie provinciali ed è riorganizzato il Collegio della Nunziatella (Accademia Navale)
  • 1786: Riforma dell’università di Napoli; riforma del sistema postale
  • 1787: Abolizione del diritto di asilo ecclesiastico; liberalizzazione del commercio della seta; incentivi all’industria
  • 1788: Abolizione definitiva dell’«omaggio delle chinea» al Papa
  • 1789: Domenico Caracciolo muore improvvisamente ed è sostituito da John Acton nella carica di primo Segretario di Stato